EDUCAZIONE FINANZIARIA, DIFFERENZE DI GENERE E PARI OPPORTUNITÀ

Share

Educazione finanziaria, differenze di genere e pari opportunità

Il “Piano nazionale per l’educazione al rispetto”, creato dal MIUR ed ispirato dall’Articolo 3 della Carta Costituzionale, prevede l’avvio di attività di sensibilizzazione al rispetto e cultura, in un’intesa più ampia di educazione alla cittadinanza attiva e globale. Le linee giuda previste dal comma 16 dell’Articolo 1 della legge 107/2015 descrivono “L’educazione alla parità tra i sessi, la prevenzione della violenza di genere e di tutte le altre discriminazioni” : le scuole sono quindi chiamate autonomamente a provvedere a percorso di condivisione interessa e di confronto.
Il Piano Nazionale prevede anche un portale “Noi Siamo Pari” (www.noisiamopari.it) in cui si raccolgono contributi, materiali didattici e fuori percorsi formativi pensati per tutti, dagli insegnanti agli studenti e le loro famiglie, con la finalità di contrastare gli stereotipo e le discriminazioni.Anche Global Thinking Foundation partecipa insieme a FEDUF, la Fondazione per l’Educazione Finanziaria e al Risparmio , e Redooc promuovendo buone prassi per inserire l’alfabetizzazione finanziaria tra i banchi di scuola all’Osservatorio NAZIONALE per il monitoraggio e la promozione delle iniziative in ambito educativo e formativo sui temi della parità tra i sessi e della violenza contro le donne, che si basa sulla promozione di modelli di cittadinanza economica inclusivi in ottica di affermazione di pari opportunità e prevenzione della marginalità economica, che sovente colpisce il segmento femminile anche a causa di vicende legate a situazioni di isolamento, prevaricazione o violenza domestica. L’accesso alle risorse economiche, la titolarità e il pieno controllo delle stesse e l’utilizzo consapevole dei servizi finanziari costituiscono uno dei traguardi da raggiungere in tal senso per i quali già in ambito scolastico si può agire.

“Le discriminazioni di genere rientrano anche in ambito economico e finanziario, in cui le donne, anche giovani, presentano delle competenze economiche più lacunose, influenzate anche dagli stereotipi del mondo finanziario. La donna è spesso colpita da una marginalità economica dovuta non solo alle aspettative sociali, ma anche a situazioni più gravi, di isolamento, prevaricazione e violenza.”

La proposta di GLT Fondation e FEDUF comprende l’organizzazione di incontri a livello regionale e coaching mirato a potenziare il corpo docente femminile:

  • nelle proprie competenze economiche
  • valorizzare le differenze, abbattendo i pregiudizi
  • programmazione didattica curriculare

Gli incontri si sono svolti in Toscana (Pisa) 4 Aprile , Lazio (Roma) 10 Maggio , Lombardia (Milano) 23 Maggio. Successive tappe potranno essere pianificate a partire dall’autunno.Per tutte le attività è previsto monitoraggio tramite questionari ed analisi a posteriori . E verranno forniti al MIUR:

  • dati numerici
  • dati qualitativi raccolti con questionario per verificare il riscontro sugli argomenti e l’efficacia degli interventi formativi in termini di ausilio alla didattica

Global Thinking Foundation e FEDUF sono disponibili a programmare attività ed interventi innovativi per attuare la missione del Piano Nazionale, alla luce anche delle risorse del PON “Per la Scuola” 2014-2020, che coinvolge oltre 200 scuole

PARI – Il Percorso sui Diritti e Doveri per l’Uguaglianza di Genere

Global Thinking Foundation ha partecipato alla realizzazione della sezione PARI presso il Museo dei Bambini di Roma, Explora aperta al pubblico a fine Novembre 2019

PARI è il nuovo percorso gioco promosso da Explora, il Museo dei Bambini di Roma finalizzato ad approfondire diritti e doveri, uguaglianze e unicità, superando gli stereotipi di genere.
Il percorso gioco si propone di offrire a bambini, famiglie, scuole e, più in generale alla comunità che gravita intorno al Museo, l’opportunità di riflettere ed approfondire questa tematica attraverso una serie di allestimenti interattivi (11 exhibit) ulteriormente arricchita da attività didattiche ispirate alla metodologia del learning by doing, tipica dei musei dei bambini. Nella società di oggi le nuove generazioni si confrontano con continue sfide e quindi è sempre più importante capire e distinguere tra stereotipi di genere e reali differenze, opportunità e unicità, per raggiungere una piena e condivisa consapevolezza della “parità di genere”.

Visitatori Totali di Explora nel periodo: 32.855 di cui 15.756 adulti, 14.551 bambini e 2.548 bambini fascia 12/36 mesi;
  • Bambini che hanno giocato a Pari 9.171 di cui 4.588 maschi e 4.583 femmine
  • Bambini che hanno giocato all’arrampicata 8.265 di cui 4.095 maschi e 4.165 femmine
  • Bambini che hanno giocato al cambio ruota 2.669 di cui 1.455 maschi e 1.214 femmine
  • Bambini che hanno giocato al cambio neonato 2.854 di cui 1.039 maschi e 1.815 femmine
  • Bambini che hanno giocato al messaggio in codice 3.766 di cui 1.763 maschi e 2.003 femmine***
Al questionario erogato lo scorso mese (83 adulti intervistati) questi i dati
  • Le piace il percorso gioco? il 98,8% SI
  • Pensa che Pari Opportunità sia un tema giusto da proporre ai bambini? 100% SI
  • Viste le postazioni gioco pensa che la tematica Pari Opportunità sia stata affrontata in modo efficace? 89,20% SI
  • Pensa che al termine del gioco i bambini imparino qualcosa sul tema? 79,3% SI